Tirannia del progresso  Al centro della composizione, un trono lapideo, minacciato da sanguisughe fameliche, campeggia in un deserto solcato da rivoli di sangue, che sgorgano serpeggianti e minacciosi avanzando verso l’osservatore. Dalla terra “insanguinata” esalano fumi tossici.  In alto, come vessillo del progresso, svetta una croce di grattanuvole, strumento diContinue Reading

Centauro genuflesso, 1993 terracotta cm 20, Acerno La scultura in terra cotta, di piccole dimensioni, rappresenta un Centauro in ginocchio con la testa girata e rivolta verso l’alto. Il modellato, sebbene liscio, lascia intravedere le impronte delle dita e delle mirette usate dall’artista. Il busto manca delle braccia, al loroContinue Reading

Tempio dell’occulto, 2004 ceramica h.cm 33 La scultura raffigura un mezzo-busto, con la testa di gufo, in camicia e cravatta. L’opera è concepita come un tempio a navata unica che si sviluppa in senso trasversale rispetto al riguardante. L’entrata si trova sul prospetto laterale sinistro mentre la facciata principale assumeContinue Reading

La libertà guida la Natura L’opera realizzata da Pasquale Mastrogiacomo rappresenta un branco inabissato di pesci. Il gruppo, nel quale si scorgono diverse specie, nuota in prossimità del fondale marino con il quale si mimetizza il corpo esanime di un grande pesce, che fluttua sostenuto dal movimento delle onde. LaContinue Reading

  Dualismo, 2008 olio su tela cm 50×70 Con limpidezza costruttiva e di segno, il dipinto si presenta come sintesi dei temi e delle riflessioni dell’artista. Al centro della tela campeggia il mondo, sommerso dall’acqua, trafitto da un cono di fumo e minacciato dalle sanguisughe. Ai poli dominano due solenniContinue Reading

L’urlo della coscienza fa parte di una trilogia che ha proprio in tale soggetto la sua massima rappresentazione formale. L’opera è incentrata sui “moti della coscienza”, sulle scosse telluriche che occasionalmente percorrono il corpo dell’uomo agitandone in profondità il tessuto cellulare. Come nella scultura “Grido disperato” la forma è stilizzata,Continue Reading

L’opera dal titolo, volutamente provocatorio, “La prostituzione di un vescovo”, realizzata nel 1997, mostra “un figuro” seduto su un cippo nell’atto, un po’ vanitoso , di concedersi alla moltitudine. La scultura vuole essere una riflessione sulla fede e sulla speranza che molti ripongono nei rappresentanti di Dio in terra. DalContinue Reading